closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Israele blocca l’ingresso a Gaza di duemila dosi del vaccino Sputnik

Territori occupati. Alcuni deputati chiedono che la consegna delle fiale sia condizionata alla liberazione di due cittadini israeliani prigionieri di Hamas e alla restituzione dei resti di due militari. Il deputato della Lista unita Ofer Cassif: «Ostacolare le cure mediche è un crimine di guerra oltre che disumano».

Mentre in Israele la campagna di immunizzazione sembra dare i primi risultati positivi, in Cisgiordania e Gaza problemi e ritardi frenano l’avvio delle vaccinazioni. E l’occupazione militare israeliana non manca di fare sentire il suo peso anche con la pandemia. Si allungano ancora i tempi dell’arrivo a Ramallah delle fiale dei vaccini messi a disposizione dalla Russia e dal programma Covax dell’Oms. Il premier dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) Mohammed Shttayeh ieri non è stato in grado di fornire date sicure per le prime 400mila dosi del vaccino di AstraZeneca attese tra marzo e luglio. Inoltre Israele tiene ancora ferme duemila...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi