closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Israele, 45 morti nella calca. Netanyahu contestato

Galilea. Strage alle celebrazioni di lag B'Omer. Invece di 15mila persone intorno alla tomba del rabbino Shimon Bar Yochai al Monte Meron ce n'erano 100mila

Le vittime del disastro al Monte Meron

Le vittime del disastro al Monte Meron

Non è la prima tragedia durante le celebrazioni di Lag B'Omer sul monte Meron, in Alta Galilea. Il 15 maggio 1911, quando Israele non esisteva e la Palestina era parte dell’impero ottomano, si ruppe una ringhiera dell'edificio dove si trova la tomba del rabbino Shimon Bar Yochai, il Rashbi, e un centinaio di pellegrini precipitò da un'altezza di oltre sette metri. Vi furono 11 morti e 40 feriti. Ben più drammatici, più di cent’anni dopo, sono i numeri di giovedì notte: 45 morti, tra i quali almeno sei minori, e oltre 150 feriti. Una catastrofe che colpisce la comunità religiosa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.