closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Israele, 45 morti nella calca. Netanyahu contestato

Galilea. Strage alle celebrazioni di lag B'Omer. Invece di 15mila persone intorno alla tomba del rabbino Shimon Bar Yochai al Monte Meron ce n'erano 100mila

Le vittime del disastro al Monte Meron

Le vittime del disastro al Monte Meron

Non è la prima tragedia durante le celebrazioni di Lag B'Omer sul monte Meron, in Alta Galilea. Il 15 maggio 1911, quando Israele non esisteva e la Palestina era parte dell’impero ottomano, si ruppe una ringhiera dell'edificio dove si trova la tomba del rabbino Shimon Bar Yochai, il Rashbi, e un centinaio di pellegrini precipitò da un'altezza di oltre sette metri. Vi furono 11 morti e 40 feriti. Ben più drammatici, più di cent’anni dopo, sono i numeri di giovedì notte: 45 morti, tra i quali almeno sei minori, e oltre 150 feriti. Una catastrofe che colpisce la comunità religiosa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi