closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Islamisti contro Haftar, 20 morti a Bengasi

Libia. Attacco degli uomini di Ansar-al Sharia. Dall'inizio della campagna "Dignità", lanciata dal generale, almeno 76 vittime

Nelle strade di Bengasi

Nelle strade di Bengasi

Islamisti radicali all'offensiva, in Libia. Ieri, a Bengasi (nell'est del paese), almeno otto soldati e 12 civili sono rimasti uccisi nel corso di violenti scontri tra gruppi jihadisti e forze armate fedeli all'ex generale Khalifa Haftar, l'uomo forte del momento. Gli uomini di Ansar-al Sharia hanno bombardato un campo militare delle unità speciali dell'esercito libico che appoggiano Haftar. E poi hanno accerchiato i soldati. Le forze d'aviazione fedeli a Haftar hanno risposto. Si tratta degli scontri più violenti dall'inizio della campagna Dignità, lanciata dal generale il 16 maggio, che ha già provocato almeno 76 morti. Un'operazione condotta «per sradicare i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi