closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ministro degli esteri iracheno: «Avevamo avvisato Parigi»

Iraq. Nuovo attacco a Baghdad, 26 morti. Una strage continua: secondo le Nazioni Unite solo ad ottobre in Iraq sono state uccise in atti di terrorismo 714 persone (di cui 559 civili), altre 1.269 sono rimaste ferite. Baghdad resta il target: ben 298 vittime, oltre il 50%, si sono registrate nella capitale

Il sito dell'attentato a Baghdad durante un funerale sciita il 13 novembre

Il sito dell'attentato a Baghdad durante un funerale sciita il 13 novembre

«Fonti dell’intelligence irachena hanno ricevuto informazioni in merito ad attacchi terroristici in preparazione in diversi paesi, compresa la Francia, gli Stati Uniti e l’Iran. E a tutti loro è stato comunicato». A dirlo, a margine dell’incontro di Vienna sabato sera, è stato il ministro degli Esteri iracheno al-Jafari. Non ha dato altri dettagli, soltanto di aver avvertito Parigi. L’Iraq conosce bene l’Isis. Lo Stato Islamico qui non ha mai smesso di colpire. Lo ha fatto venerdì uccidendo 26 persone nella capitale, lo ha fatto di nuovo sabato sempre a Baghdad. Due giorni fa nel mirino degli islamisti sono tornati i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.