closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Iscritti all’Aire, il decreto fantasma

L’intendenza non segue. Per i cittadini italiani residenti all’estero ma temporaneamente in Italia, molti bloccati dalla semi-chiusura delle frontiere, il diritto al vaccino continua ad essere negato. L’ostacolo è che non hanno la tessera sanitaria. Il 24 aprile, con mesi di ritardo, il generale Figliuolo ha emesso un’ordinanza - la 7/21 - che apre il diritto al vaccino per gli iscritti all’Aire, l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero. Sono più di 5 milioni di persone, più di 3 milioni in Europa, centinaia di migliaia sono in Italia in questo momento. Dei deputati eletti nelle circoscrizioni all’estero si sono dati da fare....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi