closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Isabelle Huppert regina ad Almada

A teatro. si è concluso il trentaseiesimo festival, piattaforma per un confronto tra la scena europea e quella degli altri continenti

Isabelle Huppert

Isabelle Huppert

Si è chiuso ieri il 36° Festival di Almada, piattaforma privilegiata per un confronto tra il teatro europeo e quello degli altri continenti, nonché utilissimo strumento per verificarne sviluppi e linguaggi nelle diverse parti del mondo. Quest’anno la rassegna portoghese ha visto concentrarsi molti spettacoli attorno al protagonismo femminile. Tranne poche eccezioni importanti (Se questo è un uomo di Primo Levi prodotto qui ad Almada, e il Macbettu sardo di Alessandro Serra) i titoli di maggior seguito e successo ruotavano tutti attorno a figure femminili, spesso femministe, spesso di retaggio storico, talvolta contemporanee o addirittura «futuribili». A cominciare dalla produzione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.