closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Al via l’asse Parigi-Mosca contro l’Isis

Guerra al terrorismo. Tour de force diplomatico del presidente francese. Prove di coalizione tra Putin e Hollande: gli obiettivi e le informazioni in Siria saranno «condivisi». Renzi a Parigi rinforza il caso Libia e ribadisce: «Contro Daesh una sfida politica e culturale». Merkel assicura intervento in Mali, la Germania invierà Tornado "da ricognizione" e una fregata in Siria. Venerdì 27 l'omaggio alle vittime degli attentati agli Invalides, appello a esibire la bandiera. Proteste per il divieto a manifestare

Hollande e Putin all'inizio del lungo vertice di Mosca al Cremlino

Hollande e Putin all'inizio del lungo vertice di Mosca al Cremlino

In mancanza di un’impossibile coalizione unica contro Daesh, Hollande con un numero di equilibrismo cerca una maggiore «cooperazione» tra le due «coalizioni» in campo, quella «occidentale» e quella «russa», anche se resta il blocco totale tra Russia e Turchia. François Hollande è stato ricevuto ieri pomeriggio da Vladimir Putin, che ha promesso una battaglia contro «il nemico comune» e di «unire gli sforzi», in una coalizione «necessaria». Mosca è solo l’ultima tappa della maratona diplomatica della settimana durante la quale il presidente francese ha incontrato Cameron, Obama, Merkel e Renzi. Domenica tutti i principali dirigenti del mondo, compreso il cinese...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi