closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Iraq, strage continua

Baghdad. Anche ieri una raffica di attentati. Oltre 70 i morti, più di 200 i feriti. Sullo scontro tra sunniti e sciiti soffia il vento della guerra civile nella vicina Siria. Ma anche il premier Maliki ha le sue colpe

L’Iraq è nel pieno di una nuova guerra civile che il mondo finge di non vedere. Un conflitto sanguinoso tra la minoranza sunnita e la maggioranza sciita, figlio delle politiche del governo al Maliki. Ma non solo. Pesano i riflessi della guerra civile in corso nella confinante Siria e la riorganizzazione nel Paese di al Qaeda, responsabile di gran parte degli attentati di questi ultimi mesi. E' di almeno 71 morti e oltre 200 feriti il bilancio dell’ultima ondata di attacchi con autobomba e kamikaze. Ieri mattina Baghdad e i dintorni della capitale irachena si sono trasformati in un inferno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.