closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Iran-Israele, dopo Natanz riparte la battaglia navale

Tensione in aumento. Zarif scrive al segretario generale dell’Onu: il sabotaggio della centrale è «terrorismo nucleare». Nave israeliana presa di mira nel Golfo di Oman

Il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Araghchi al Grand Hotel di Vienna, che ospita i colloqui del comitato congiunto dell'accordo sul nucleare del 2015

Il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Araghchi al Grand Hotel di Vienna, che ospita i colloqui del comitato congiunto dell'accordo sul nucleare del 2015

L'Iran ha avviato l'arricchimento dell'uranio al 60% nell'impianto nucleare di Natanz: lo ha annunciato il viceministro degli Esteri Araghchi che lo comunica in una lettera all'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea). Il viceministro è arrivato ieri pomeriggio a Vienna per partecipare a una nuova riunione del comitato congiunto dell'accordo sul nucleare del 2015, che comprende Gran Bretagna, Francia, Germania, Russia e Cina e che sta discutendo la possibilità di un rientro degli Stati Uniti nell'intesa, da cui l'amministrazione dell'allora presidente Donald Trump era uscita nel 2018. Sabato l'Iran aveva annunciato di avere avviato una nuova catena di centrifughe 164 IR-6...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi