closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Iracheni verso Ramadi, peshmerga verso Mosul. E marines in Siria

Iraq. L'aviazione di Baghdad dice ai civili di Ramadi di fuggire, i kurdi puntano alla seconda città irachena mentre a Erbil è il caos: intervista al capogruppo delle opposizioni al presidente Barzani, il movimento riformatore Gorran

Un soldato iracheno a Ramadi

Un soldato iracheno a Ramadi

Alla fine gli stivali statunitensi tra Siria e Iraq saranno mandati: ieri il segretario alla Difesa Usa Carter ha annunciato il dispiegamento di forze speciali in Iraq per operazioni dirette, liberare ostaggi, catturare leader islamisti. «In pieno coordinamento con il governo iracheno, dispiegheremo forze straordinarie speciali per assistere soldati iracheni e peshmerga». Non solo: condurranno anche «operazioni unilaterali» in Siria. Per ora nessuno dà numeri né tempi, ma la mobilitazione Usa giunge a pochi giorni da quella kurda e da quella irachena. Sabato il capo dei peshmerga, Jamal Eminki, ha annunciato le future operazioni kurde, su Tal Afar e Mosul....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi