closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Barozzino: «Io, operaio senatore, chiedo un voto di coscienza»

Il caso. Giovanni Barozzino, il dipendente della Fiat di Melfi licenziato e poi reintegrato dal giudice

Giovanni Barozzino

Giovanni Barozzino

«Ci vuole cuore, ci vuole umanità per fare le leggi, ci vuole la voglia di capire le difficoltà che affrontano quelli a cui stai toccando la vita. Quando ho iniziato a fare il sindacalista della Fiom, nell’87, a Melfi, avevo vent’anni. La prima cosa che mi disse un sindacalista anziano fu: Giovanni, per capire cosa ti sta dicendo un operaio, devi capire cosa fa, in che condizioni lavora. Non basta una telefonata. E allora dico a Renzi: prima di togliere i diritti, vada nei luoghi di lavoro. Berlinguer, a cui lui dice di ispirarsi, lo faceva». Nell’aula del senato, con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.