closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

«Io dico io», le artiste italiane prendono la parola

Mostre. Alla Galleria nazionale d’arte moderna, la rassegna che si ispira a Carla Lonzi e ai suoi gesti di «rivolta», con centoventi opere e parte del suo archivio fotografico, per la prima volta fruibile

Monica Bonvicini, «Fleurs du Mal (pink)», 2019 (detail)

Monica Bonvicini, «Fleurs du Mal (pink)», 2019 (detail)

In un periodo di incertezze, costellato di onde anomale virali, malinconici nascondimenti dietro le tende delle proprie finestre, relazioni interrotte e spazi del mondo evaporati, alla Galleria nazionale d’arte moderna di Roma inaugura una mostra che invece rimanda a un «luogo aperto» e in continua costruzione: quello della presa di parola a partire da sé, in prima persona. Non un monologo interiore (che avrebbe il difetto della incomunicabilità e del sigillo psichico) ma la raccolta di sensazioni, immagini, dati, narrazioni, percorsi in soggettiva. Una soggettiva che assume come prospettiva lo sguardo femminile, essendo le testimoni di questa disseminazione esperienziale tutte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi