closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Inventare il passato con lo sguardo dell’oggi: Le assaggiatrici

Libri. L'ultimo romanzo di Rosella Postorino si basa su una notizia in cui l'unica superstite delle assaggiatrici, parlava del suo lavoro svolto per i nazisti

Lo stile di Rosella Postorino, ormai alla sua quarta prova d’autrice, pubblicata ora da Feltrinelli, è andato sempre più asciugandosi nel tempo, sino a raggiungere una tonicità, un’essenzialità icastica che sembra pensata per restituire anche nella forma l’ambiente del racconto: la Germania alla fine dell’ultima guerra, e in particolare, oltre a Berlino, quella parte della Polonia occupata in cui Hitler aveva stabilito la Wolfsschanze (la tana del lupo), il suo quartier generale nascosto nella foresta, non lontano dal villaggio di Gross-Partsch, nella Prussia orientale. Qui si è rifugiata Rosa Sauer dopo la fuga di suo fratello Franz, la scomparsa per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi