closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Interno londinese di una generazione

Al cinema. «The Party» di Sally Potter, una commedia da camera tra pubblico e privato, sentimenti, politica e le scelte del tempo presente

Il bianco e nero dichiara l’atmosfera surreale: siamo a una festa per la nomina di Janet a nuovo ministro della salute nel governo ombra laburista. Ci sono pochi amici, quelli di sempre, e un giovane intruso, il marito bello della sua assistente personale che è rimasta a casa, arriverà più tardi spiega laconico lui, forse al dolce o al formaggio chissà. Ciò che capiamo subito è che le chiacchiere e i sorrisi celano a fatica, quasi per niente, i molti non detti, le esitazioni, gli stati d’animo dei personaggi: ciascuno ha i suoi segreti, le sue ipocrisie, i tradimenti sentimentali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi