closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Inquina ancora», sequestrata a Brescia la fabbrica dei veleni

Ambiente. Chiusa la Caffaro, già sott’accusa per disastro ambientale: scorie fuorilegge nelle falde

I carabinieri ieri mattina alla Caffaro di Brescia

I carabinieri ieri mattina alla Caffaro di Brescia

La Procura di Brescia, nell'ambito di un'inchiesta per disastro ambientale, ha disposto il sequestro della Caffaro, storica azienda nel cuore della città. Dal 2003, l'area è perimetrata come Sito di interesse nazionale. I Sin vanno bonificati, a causa della quantità e pericolosità degli inquinanti presenti, al rilievo dell’impatto sull'ambiente circostante in termini di rischio sanitario ed ecologico, nonché di pregiudizio per i beni culturali ed ambientali. Ma il provvedimento eseguito a Brescia dai carabinieri Forestale e disposto dal gip Alessandra Sabatucci su richiesta del sostituto procuratore Donato Greco e dell'aggiunto Silvio Bonfigli, non guarda al passato: il 9 febbraio 2021...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi