closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Inni da incubo nel segno di Poe

Note sparse. Sesto album per i trevigiani Captain Mantell, trio anomalo chitarra batteria e sax. Un disco sperimentale e complesso

Captain Mantell

Captain Mantell

La storia di un regicidio, di una colpa antica e inesorabile che è anche un atto radicale di ribellione. Ecco Dirty White King, il sesto album dei trevigiani Captain Mantell, trio anomalo (chitarra, batteria, sax) che da un decennio buono esplora suoni e soluzioni, sempre al servizio di canzoni dalla grande musicalità. E se nel passato dominava l’anima elettronica, qui il sound ricorda i Morphine passati al lato oscuro, con incursioni stoner e la benedizione di John Zorn. Si tratta del disco più cupo della band, mai così sperimentale e complesso nelle strutture. Merito della rinnovata formazione, che vede Mauro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.