closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Inni da incubo nel segno di Poe

Note sparse. Sesto album per i trevigiani Captain Mantell, trio anomalo chitarra batteria e sax. Un disco sperimentale e complesso

Captain Mantell

Captain Mantell

La storia di un regicidio, di una colpa antica e inesorabile che è anche un atto radicale di ribellione. Ecco Dirty White King, il sesto album dei trevigiani Captain Mantell, trio anomalo (chitarra, batteria, sax) che da un decennio buono esplora suoni e soluzioni, sempre al servizio di canzoni dalla grande musicalità. E se nel passato dominava l’anima elettronica, qui il sound ricorda i Morphine passati al lato oscuro, con incursioni stoner e la benedizione di John Zorn. Si tratta del disco più cupo della band, mai così sperimentale e complesso nelle strutture. Merito della rinnovata formazione, che vede Mauro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi