closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

dop-1

In oltre due anni di edicola questa scommessa editoriale può dirsi vinta.

Grazie ai suoi lettori (e collaboratori) in movimento è diventata una delle pubblicazioni più importanti e diffuse del settore.

Ora vogliamo crescere ancora, perciò cambiamo formato con un progetto di magazine tutto nuovo che non perderà le caratteristiche culturali e di approfondimento che ormai conoscete.

Qui potete vedere le primissime bozze grafiche del nuovo progetto.

Ci serve il vostro aiuto però.

Uno

Abbonatevi qui e fate abbonare chi non ci conosce. Venti euro l’anno sono un buon investimento su questo progetto.

Due

Fatevi avanti. Abbiamo bisogno del vostro entusiasmo, delle vostre critiche e delle vostre proposte, fatevi avanti lettori e appassionati, collaboratori e aziende.

Siamo qui per ascoltarvi e trovare insieme la «via». Scriveteci a [email protected]

Un anno insieme a 20 euro…

CON CARTA DI CREDITO

Bisogna registrarsi sul sito del manifesto. Serve solo per avere i dati e l’indirizzo postale per spedirvi le copie. (En passant, si possono anche leggere alcuni articoli del giornale gratis e senza pubblicità). Una volta registrati si va alla pagina «Abbonati» qui. Si paga con la carta ed è fatta.

CON BONIFICO BANCARIO

Il bonifico si fa sul conto corrente presso Banca Etica intestato a «il nuovo manifesto società coop editrice»

IBAN: IT30P 05018 03200 000 000 153 228
BIC: CCRTIT2T84A

Causale: «in movimento, nome cognome, email e indirizzo»

CON BOLLETTINO POSTALE

Intestato come sopra sul c.c.p. 1022 075 350

Causale: «in movimento, nome cognome, email e indirizzo».

Per velocizzare tutto è meglio mandare una mail a [email protected]

ARRETRATI IN PDF O CARTACEI

Puoi comprare tutti gli arretrati in pdf qui oppure averli in carta scrivendo a [email protected]scoop.it

L’editoriale di presentazione su in movimento di marzo

numero-1

Ce lo avete chiesto in tanti in questi oltre due anni di edicola insieme. Perché non fare di in movimento una rivista a tutti gli effetti? Una rivista da leggere ma anche da conservare.

Finalmente ci siamo.

Entrate con noi dietro le quinte con le primissime bozze grafiche (testi e foto di fantasia) del nuovo formato che debutterà in edicola il prossimo 5 aprile.

Sarà un magazine di almeno sessantaquattro pagine su carta patinata. Una confezione di “lusso” (senza esagerare) e una grafica leggera che valorizzeranno al massimo l’esperienza di lettura e le fotografie.

CAMBIAMO VESTE ma non la nostra visione editoriale: una rivista di outdoor più attenta alla cultura che alle prestazioni.

Un magazine «popolare» e di approfondimento con personaggi, incontri, reportage, interviste, luoghi e temi che vogliono portare le «terre alte» e l’avventura in verticale non solo al pubblico degli appassionati ma al centro della conversazione nazionale.

In movimento è un progetto editoriale originale che è riuscito ad affermarsi tra le testate leader del settore.

La nostra idea di partenza era – ed è ancora – un giornale per tutti ma di qualità, dedicato alla montagna.

In ogni numero ci sarà tanto da leggere. E sappiamo bene che nelle avventure in montagna un po’ di prudenza è necessaria.

Per questo, almeno all’inizio, la rivista sarà bimestrale (il primo giovedì dei mesi pari). Dopo il numero del 5 aprile saremo in edicola a giugno, agosto, ottobre e dicembre.

numero-19

IN QUESTA NUOVA TAPPA della nostra/vostra avventura abbiamo il piacere di continuare a collaborare con autori di altissimo livello, capaci di promuovere una cultura della montagna e del movimento (con il corpo e con la mente) a tutto tondo.

Con il nuovo magazine gli articoli si arricchiscono di mappe e infografiche, e troverete rubriche nuove: le segnalazioni dei prodotti che ci piacciono di più, gli eventi culturali, le novità dell’editoria specializzata, le riflessioni di alcune tra le penne più note del settore, tra cui Linda Cottino, Alessandro Gogna, Enrico Camanni, Emilio Previtali e Roberto Mantovani. Oltre al nostro «wild bunch» fatto da Simone Bobbio, Guido Sassi e Peter Freeman.

Avremo a bordo con uno spazio fisso anche due associazioni come Dislivelli e Mountain Wilderness Italia.

LA CARTA STAMPATA è il più infido dei ghiacciai e il successo di questa «traversata» di carta dipende solo da voi.

Siete voi le nostre guide e ci direte se e come andare avanti.

Abbonatevi subito però, perché il prezzo in edicola cambierà un po’ (3,5 euro). La speranza è che questa rivista vi piaccia ancora di più e che si possa raddoppiare la posta con un’uscita mensile come adesso.

Come un rifugio confortevole, abbandoniamo con questo numero il formato e la carta da quotidiano, il nostro primo e vero amore.

Ci vediamo il 5 aprile, dunque.

E scriveteci a [email protected]. Anche noi vogliamo leggervi.

Matteo Bartocci ed Eleonora Martini

numero-5