closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Infrazioni pendenti, il governo si dia ora un obiettivo preciso

Stato di diritto nella Ue. L’Italia ha già subìto dalla Corte quattro condanne pecuniarie per gli aiuti a favore dell’occupazione; sulle 198 discariche abusive; sulla cattiva gestione dei rifiuti in Campania e sugli sgravi concessi a una serie di imprese di Venezia e Chioggia. Il nostro è il paese Ue che ha pagato le multe più salate: ben 152.585.000 euro, contro gli 88.520.850 della Francia e i 53.900.000 della Spagna

Grazie a un’iniziativa intrapresa dal Governo durante il semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea, oggi il Consiglio Affari Generali si riunirà a Lussemburgo per discutere della condizione dello stato di diritto nell’Ue: un fronte da presidiare con forza e convinzione ancora maggiori alla luce degli attentati di Parigi. L’affermazione di diritti e democrazia a partire dai nostri Paesi è infatti la prima fondamentale risposta alla minaccia del terrorismo, ma è anche la base per una reale integrazione politica, senza cui l’Unione europea non sarà mai all’altezza delle sfide globali che ne insidiano sicurezza e rilancio economico. Quello di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi