closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Ineleggibilità, la scappatoia del Tar

Ineleggibilità. Berlusconi candidato nonostante la legge Severino? Il Pdl scopre le carte

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Fatta la legge, bisogna ora trovare l’inganno. Ma non è facile per il Pdl aggirare l’ostacolo del decreto legislativo Monti-Severino che dall’inizio di quest’anno ha reso ineleggibile chi è stato condannato a più di due anni di carcere, come Silvio Berlusconi lo scorso 31 luglio. Messo da parte il problema dell’ineleggibilità sulla base della legge del ’57, congelata la pratica dell’interdizione dai pubblici uffici (si aspetta il ricalcolo della Corte d’appello, la giunta del senato deve affrontare il tema della decadenza del cavaliere previsto dalla Monti-Severino. Lì i berlusconiani tenteranno di allungare i tempi, ma non potranno far nulla per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi