closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Industriali e Ue criticano l’Imu

Il bilancio. Il Commissario Rehn e la Confindustria: finora poca attenzione alle forze produttive. L’esenzione sulla prima casa suscita ancora perplessità. L’Europa: «Verifiche sulla service tax». Le imprese chiedono sgravi sul lavoro

È vero che la riforma dell’Imu è blindatissima da un Pdl che tiene in scacco il Paese con le vicende dell’ex premier condannato per frode fiscale, ma è anche vero – d’altra parte – che per per il momento è stato coperto solo un pezzo dell’esenzione, e che nuovi miliardi serviranno per le tranches successive: anche in quest’ottica, quindi, possono avere un senso le perplessità e le critiche avanzate ieri da due soggetti di peso, l’Unione europea e la Confindustria. Il commissario agli Affari economici Olli Rehn e, per la Confindustria il presidente del Comitato tecnico fisco, Andrea Bolla, hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi