closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Industria editoriale, tra ottimismi e (molti) debiti

Express. La rubrica della cultura che fa il giro del mondo

«Quello che è successo quest’anno... beh, se fosse un romanzo, direi che c’è un po’ troppa trama»: interpellato da Hillel Italie dell’agenzia di stampa Associated Press per un bilancio sul mondo del libro nel 2020, Jonathan Karp, da maggio scorso amministratore delegato della casa editrice statunitense Simon & Schuster, se l’è cavata con una battuta spiritosa. Ovvio riferimento agli effetti della pandemia sulla filiera editoriale o allusione non troppo velata all’accordo in base al quale nel 2021 il marchio di cui Karp è al comando sarà inghiottito dal pesce più grosso, Penguin Random House? Come che sia, è certo che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi