closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Indiani «dopati» per reggere i ritmi da schiavi

Lavoro. Succede a Latina, per aumentare le possibilità di sfruttamento

Braccianti a Latina

Braccianti a Latina

Un medico, un farmacista e un avvocato impegnati nel business del doping per i braccianti indiani della provincia di Latina allo scopo di non far sentire loro le fatiche fisiche e psicologiche legate allo sfruttamento. È quanto emerge dall'operazione «No Pain» condotta martedì 25 maggio dal Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri di Latina, coordinata dal Procuratore aggiunto Carlo Lasperanza e dal sostituto Giorgia Orlando della Procura pontina. I destinatari dei provvedimenti sono indagati per illecita prescrizione di farmaci ad azione stupefacente, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, frode processuale, falso e truffa ai danni dello Stato. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi