closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

India, violenza di stato contro l’informazione libera

Intervista. Francesca Recchia di The Polis Project racconta la persecuzione dei giornalisti nel paese. «Gli stati governati dal Bjp sono i più pericolosi per i reporter, e il potere giudiziario è complice. Solo chi riporta la versione ufficiale continua a lavorare tranquillamente»

Le giornaliste Samriddhi K. Sakunia (a destra) e Swarna Jha, incarcerate per due giorni e incriminate per aver raccontato la violenza contro i musulmani nel Tripura

Le giornaliste Samriddhi K. Sakunia (a destra) e Swarna Jha, incarcerate per due giorni e incriminate per aver raccontato la violenza contro i musulmani nel Tripura

Tra il maggio 2019 e l’agosto 2021 in India sono stati documentati 256 episodi di violenza contro giornalisti e giornaliste al lavoro sul campo. Si va da intimidazioni a pestaggi, fino all’incarcerazione preventiva con l’accusa di «incitare l’odio intercomunitario». Questi i numeri emersi dal report compilato da Watch The State, gruppo di ricerca promosso dall’organizzazione giornalistica The Polis Project. «Nel 2019 ci avevano contattato degli studenti che stavano protestando contro il CAA (Citizen Amendment Act, la legge sulla cittadinanza indiana accusata di discriminare i fedeli musulmani, ndr). Ci dicevano «noi abbiamo tutto questo materiale che è pericoloso conservare e che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.