closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

India, un gigante dai piedi d’argilla

Intervista. Crescita ai minimi e rupia mai così svalutata. Segnali di un crollo imminente dei Brics? «Un’emergenza annunciata, figlia di antichi errori e abbagli», la tesi della docente Elisabetta Basile, esperta di economia informale indiana

India

India

L'economia indiana versa in una situazione critica, con crescita ai minimi e la rupia mai così svalutata. Segnali che in occidente vengono interpretati come un imminente crollo dei Brics, la famigerata «bolla» dei Paesi in via di sviluppo che ora, fiaccata dalla crisi economica, sarebbe sul punto di esplodere. Ma il caso dell’India, analizzato nel dettaglio, racconta invece di un’emergenza annunciata, dove il crollo del potere d’acquisto e la dipendenza dalle importazioni che sta trascinando a picco Nuova Delhi sono figlie di antichi errori e abbagli nella programmazione della crescita. Questa la tesi di Elisabetta Basile, professoressa di economia applicata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi