closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Indagine sull’idillio mitologico tra esseri umani e ambiente

Scaffale. Il volume fotografico di Nerina Toci, «Un seme di collina» a cura di Davide Di Maggio, edito da Mudima

Untitled, 2019

Untitled, 2019

Agrifogli e biancospini, tassi, aceri, meli selvatici, frassini e anche faggi popolano i boschi del Parco dei Nebrodi. Presenze diffuse anche nelle pagine di Un seme di collina (Mudima, pp. 178, euro 30), a cura di Davide Di Maggio, secondo libro fotografico di Nerina Toci (Tirana, Albania 1988, vive e lavora tra Palermo e Milano) in cui la luce avvolge i corpi femminili rivelando l’incanto di un momento sospeso tra realtà e sogno. IL BIANCO E NERO restituisce l’indefinitezza della conoscenza, eppure la fotografa scatta sempre a colori perché è così la sua percezione del mondo. Ma il digitale offre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi