closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Incubo finito, ora Martina torna reggente «a tempo»

Democrack. Cambia la road map, ma per il congresso non c’è fretta, finché non si trova un candidato

Il senatore Matteo Renzi

Il senatore Matteo Renzi

La notizia della «trattativa» Lega-5stelle regala una mattinata di sollievo ai dem. L’evento è drammatico - persino storico: la formazione del primo governo populista e sovranista dell’Europa dei paesi fondatori, con una maggioranza sterminata - ma per ora il Pd si gode lo scampato pericolo di un voto anticipato definito da tutti «una iattura» (copyright Lorenzo Guerini). Partono subito le dichiarazioni di guerra: «Faremo l’opposizione più dura possibile», attacca il presidente Orfini. Ma per fare l’opposizione, tanto più quella «durissima» che si annuncia, ci vuole un leader da battaglia. Che per ora non si vede. E così nel Pd che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi