closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Incendio nell’ospedale Covid: a Baghdad 89 morti e tanta rabbia

Iraq. Sospesi il ministro della Salute e il governatore della capitale dopo la tragedia: le fiamme partite in terapia intensiva. Nel paese più colpito della regione dalla pandemia, il sistema sanitario è al collasso, mai ricostruito dopo due guerre del Golfo e le sanzioni internazionali

Le vittime dell'incendio nell'ospedale iracheno Ibn Khatib

Le vittime dell'incendio nell'ospedale iracheno Ibn Khatib

I primi effetti della tragedia che ha colpito Baghdad sabato sera si iniziano a vedere: a meno di 48 ore dall’incendio nell’ospedale Ibn Khatib nella zona sud della capitale irachena, la Commissione parlamentare alla sanità sta indagando e il premier Mustafa al-Khadimi (dopo aver sospeso il ministro della Salute, il governatore di Baghdad e il suo direttore sanitario) ha ordinato di controllare lo stato di sicurezza delle sedi delle istituzioni dello Stato. L’obiettivo è reagire, comunque in ritardo rispetto alle necessità del paese, a un incendio che ha sollevato una tempesta di critiche al governo: il fuoco, seguito all’esplosione di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi