closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Incendio nell’ospedale Covid: a Baghdad 89 morti e tanta rabbia

Iraq. Sospesi il ministro della Salute e il governatore della capitale dopo la tragedia: le fiamme partite in terapia intensiva. Nel paese più colpito della regione dalla pandemia, il sistema sanitario è al collasso, mai ricostruito dopo due guerre del Golfo e le sanzioni internazionali

Le vittime dell'incendio nell'ospedale iracheno Ibn Khatib

Le vittime dell'incendio nell'ospedale iracheno Ibn Khatib

I primi effetti della tragedia che ha colpito Baghdad sabato sera si iniziano a vedere: a meno di 48 ore dall’incendio nell’ospedale Ibn Khatib nella zona sud della capitale irachena, la Commissione parlamentare alla sanità sta indagando e il premier Mustafa al-Khadimi (dopo aver sospeso il ministro della Salute, il governatore di Baghdad e il suo direttore sanitario) ha ordinato di controllare lo stato di sicurezza delle sedi delle istituzioni dello Stato. L’obiettivo è reagire, comunque in ritardo rispetto alle necessità del paese, a un incendio che ha sollevato una tempesta di critiche al governo: il fuoco, seguito all’esplosione di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.