closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

In viaggio nei misteri del Venezuela

Intervista. Parla Miguel Bonnefoy, ospite oggi a Roma al Festival de la Fiction française

Nato a Parigi nel 1986 e cresciuto a Caracas, Miguel Bonnefoy rappresenta uno dei volti più innovativi e stimolanti di quella narrativa di lingua francese che si percepisce ormai come uno spazio letterario globale, ben al di là dell’eredità post-coloniale d’oltralpe. Tra i finalisti del Goncourt, Bonnefoy ha pubblicato nel 2013 il racconto Icare e quest’anno il suo acclamato romanzo d’esordio, Il meraviglioso viaggio di Octavio, uscito per i tipi di 66thand2nd (pp. 110, euro 16), dove risuonano gli echi del realismo magico sudamericano, e l’amore per autori come Gabriel García Márquez e Alejo Carpentier, nel delineare con ironia e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi