closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Venezuela morti, cecchini, e messe «politiche»

Caracas. Le destre tornano in campo per far cadere il governo Maduro. Uccisi cinque ragazzi

Venezuela, manifestanti antigovernativi si accaniscono contro un chavista

Venezuela, manifestanti antigovernativi si accaniscono contro un chavista

Settimana di passione, in Venezuela, e non solo in senso religioso. Le destre hanno intensificato gli attacchi, riesumando il copione del 2014: le guarimbas. Il termine richiama un antico gioco infantile, che qui ha però un altro macabro significato: vuol dire armi, devastazioni, trappole col filo spinato, chiodi a tre punte e olio sparsi per le strade, e scontri con la polizia. Dal 1 di aprile, si ripetono le manifestazioni: del chavismo in sostegno al governo e dell’opposizione che vuole farlo cadere. Oggi ce ne saranno altre due. I MORTI sono già 5. Per i grandi media privati, rilanciati da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi