closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«In Venezuela burocrazia e guerra economica hanno minato il consenso»

Intervista. Manuel Zelaya e il senatore brasiliano Roberto Requiao de Mello e Silva

Venezuela

Venezuela

Sulla situazione in Venezuela e sul momento che attraversa l’America latina, abbiamo raccolto due voci autorevoli: quella di Manuel Zelaya, ex presidente dell’Honduras, deposto con un golpe «istituzionale» il 29 giugno del 2009 e quella del brasiliano Roberto Requiao de Mello e Silva, senatore del Pmdb (il più grande e antico partito del Brasile) membro del Mercosur, e copresidente di Eurolat, l’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana. «L’Honduras - dice Zelaya - è un laboratorio del capitalismo e del neoliberismo. Washington ha considerato insopportabile la mia intenzione di aderire all’Alba, il golpe costituzionale mi ha deposto quando mancavano sei mesi al termine dell’incarico»....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi