closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

In una crisi strutturale, lo Stato deve rimodellare l’intera architettura

Gli approcci neoliberisti ostili allo Stato, ma anche quelli "mainstream" per i quali deve limitarsi a fornire attività regolatoria e incentivi, sono tutti inadeguati.

Illustrazione di Pedro Scassa

Illustrazione di Pedro Scassa

Lo slancio progettuale e la curvatura ideale che Enrico Letta, se ne verrà eletto segretario, dovrà imprimere al Pd bisognoso, di rinascita in termini sia di identità sia di strategie, sono esemplificati da due questioni cruciali: il rilancio della “piena e buona occupazione”, il ruolo dello Stato adeguato a questo scopo. Da queste due questioni si misurerà anche la portata del profilo riformista del governo Draghi, di cui del resto, nella maturazione degli ultimi anni, egli stesso ci ha fornito elementi per interpretazioni non univoche, pertanto da non dare per scontato ma da sottoporre a ricostruzione e a vaglio. L’obbiettivo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi