closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Tunisia sotto processo la politica post-rivoluzione

Nord Africa. Crimini elettorali, rinviati a giudizio in 19: leader di partito, ex ministri e un presidente. Tutti colpiti dall’indagine, dalla sinistra alla destra islamista di Ennahda. Ora rischiano di non poter correre alle elezioni del prossimo dicembre

Protesta contro il presidente Saied per le strade di Sidi Bouzid, dove nel dicembre 2010 partì la rivoluzione tunisina

Protesta contro il presidente Saied per le strade di Sidi Bouzid, dove nel dicembre 2010 partì la rivoluzione tunisina

In un anno cruciale per la Tunisia che si prepara a vivere un profondo cambiamento istituzionale, il 2022 ha già riservato il primo grande colpo di scena. Il 5 gennaio, verso sera, l’agenzia di stampa nazionale Tap ha chiuso la giornata lavorativa dei tunisini con una notizia accolta con soddisfazione da più parti: 19 personalità politiche di primissimo piano sono state deferite al Tribunale di prima istanza di Tunisi per crimini elettorali risalenti alle consultazioni popolari del 2019. Si tratta di ex candidati alle presidenziali e alle legislative che hanno segnato il percorso di transizione democratica negli ultimi dieci anni....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.