closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

In Tunisia lezione ai partiti, vincono astensione e liste indipendenti

Primo voto municipale del dopo Ben Ali. Ha votato solo il 33,7% degli iscritti alle liste elettorali (5,3 milioni), poco più del 20% degli aventi diritto al voto (8,5 milioni). Gli islamisti di Ennahda in testa, ma c'è poco da festeggiare

Il conteggio dei voti nel quartier generale dell'Isie, l'Alta autorità indipendente per le elezioni, a Tunisi

Il conteggio dei voti nel quartier generale dell'Isie, l'Alta autorità indipendente per le elezioni, a Tunisi

Battuta d’arresto nel processo di democratizzazione della Tunisia. I tunisini domenica hanno dato una sonora lezione alla nuova classe politica del paese. Nelle prime elezioni amministrative del dopo Ben Alì ha vinto l’astensione. Come previsto, più del previsto. Infatti ha votato il 33,7% degli iscritti alle liste elettorali (5,3 milioni), ma poco più del 20% degli aventi diritto al voto (8,5 milioni). C’è poco da festeggiare per i vincitori che dovranno innanzitutto affrontare una popolazione che non ha più fiducia nelle istituzioni, nemmeno in quel processo di decentramento del potere che costituiva la vera novità di questo voto. E che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi