closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Thailandia è morto il re. Si riapre l’incertezza politica

Thailandia. Al più longevo dei sovrani succederà il figlio. Preoccupano le tensioni sociali nel paese

Lacrime e strazio per la morte del re in Thailandia

Lacrime e strazio per la morte del re in Thailandia

Jazzista, pittore, semi dio, il monarca più longevo della storia, usurpatore, amato, misterioso calcolatore, anticomunista, opportunista, salvatore del paese, ignobile manipolatore, introverso e re quasi per caso, assassino, il monarca triste, l’ammalato agganciato al potere, il re glamour con la moglie Sirikit, il sovrano «agricoltore» ma poco attento ai diritti umani, il re dell’esercito, il fruitore e fautore di una legge di lesa maestà apparentemente fuori dalle coordinate del mondo contemporaneo. L’ambiguità di un sovrano si legge nelle tante traiettorie all’interno delle quale rintracciare l’anima del suo regno. Bhumibol forse è stato tutto questo, perché specchio di un paese che,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.