closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Thailandia è morto il re. Si riapre l’incertezza politica

Thailandia. Al più longevo dei sovrani succederà il figlio. Preoccupano le tensioni sociali nel paese

Lacrime e strazio per la morte del re in Thailandia

Lacrime e strazio per la morte del re in Thailandia

Jazzista, pittore, semi dio, il monarca più longevo della storia, usurpatore, amato, misterioso calcolatore, anticomunista, opportunista, salvatore del paese, ignobile manipolatore, introverso e re quasi per caso, assassino, il monarca triste, l’ammalato agganciato al potere, il re glamour con la moglie Sirikit, il sovrano «agricoltore» ma poco attento ai diritti umani, il re dell’esercito, il fruitore e fautore di una legge di lesa maestà apparentemente fuori dalle coordinate del mondo contemporaneo. L’ambiguità di un sovrano si legge nelle tante traiettorie all’interno delle quale rintracciare l’anima del suo regno. Bhumibol forse è stato tutto questo, perché specchio di un paese che,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi