closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

In tempi di pandemia, ecco chi muore di più, all’Est come all’Ovest

Diseguaglianze. La pandemia non è una "livella", i poveri e i meno istruiti muoiono di più. L’analisi demografica dell’Istat e alcuni libri spiegano come lavora la falce della disuguaglianza

Un'opera di Mimmo Paladino

Un'opera di Mimmo Paladino

Scrive l’Istat nel suo Rapporto 2020 sul benessere equo e sostenibile che, a seguito della pandemia, "c’è una significativa inversione di tendenza nel processo di costante miglioramento della longevità osservato negli ultimi anni, soprattutto in alcune aree del paese”. Detto in cifre, la speranza media di vita è arretrata da 83,2 anni a 82,3, con particolare ampiezza in Lombardia, regione in cui nel 2020 la mortalità si sarebbe presa ben 2,4 anni di vita. Colpa del virus venuto dalla Cina, si potrebbe aggiungere. Tutto troppo semplice. Nel citato Rapporto si rileva che “I dati di mortalità Istat per livello di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi