closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Sudan tornano gli assalti ai forni, stato di emergenza in sette province

Darfur/Kordofan. Nelle zone più povere del Paese prezzi del pane alle stelle e l’insicurezza alimentare avanza. Il nuovo governo di transizione accusa i nostalgici di al Bashir

In Sudan sembra di essere tornati ai mesi che avevano preceduto la caduta e l’arresto di Omar al Bashir. Ma a parti rovesciate, almeno secondo la lettura del governo che c'è oggi a Khartoum  - faticosa espressione del compromesso raggiunto tra "civili" e militari ai fini di una transizione dai contorni ancora indefinibili - che accusa i sostenitori dell’ex presidente di essere dietro alle violenze esplose nei giorni scorsi in diverse province-stato del Paese, dal Darfur al Kordofan. Proteste che alla fine della scorsa settimana erano ripartite contro il costante aumento dei prezzi dei beni di prima necessità, degenerando poi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi