closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In strada e sui balconi, in Cile è di nuovo sciopero femminista

America Latina. Tutto il paese si prepara alle iniziative di domani, organizzate dalla Coordinadora 8M. Parla la portavoce Nuriluz Hermosilla: «L’8 marzo scorso ha ridato animo ai manifestanti: oltre due milioni di persone solo a Santiago. La lotta femminista e la rivolta cilena hanno una connessione fortissima»

Santiago del Cile, 8 marzo 2020

Santiago del Cile, 8 marzo 2020

Lo scorso anno hanno portato in piazza oltre quattro milioni di persone e quest’anno vogliono replicare. Sono le femministe cilene e si stanno preparando a scioperare contro il governo di Sebastian Piñera il prossimo 8 marzo. Come si legge nel comunicato: «Vogliamo la fine di questo governo, pene per chi lo ha sostenuto e la liberazione immediata dei manifestanti incarcerati». Quest’anno la marcia femminista dovrà affrontare le restrizioni imposte per l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, ma le donne della Coordinadora 8M – organizzatrici dello sciopero dell’8 marzo – non demordono. «A SANTIAGO LA MARCIA si terrà lo stesso, anche se...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi