closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In serbo per la Nato tanti processi (anche all’Aja)

Giustizia . Guerra "umanitaria" del 1999, effetti collaterali. Aspettando Sassoli

Esercitazioni Nato in Kosovo

Esercitazioni Nato in Kosovo

Il 24 maggio del 1999, dopo il fallimento degli accordi di Rambouillet redatti in modo che la parte jugoslava non li potesse sottoscrivere - come commentò allora Luciana Castellina su il manifesto -, si scatenò l’operazione della Nato Allied Force contro quello che era rimasto della Repubblica federale di Jugoslavia. Fu una aggressione devastante che venne definita «umanitaria» e voluta dall’allora Ulivo mondiale (Clinton, Blair, Schroeder, D’Alema). Seguirono 78 giorni di bombardamenti incessanti. Vennero colpiti, oltre a obiettivi militari centinaia di obiettivi ed infrastrutture civili tra cui fabbriche, sedi tve, ambasciate, ponti, centrali elettriche ed impianti petrolchimici provocando lo stesso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi