closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

In Portogallo si spacca il governo «frentista» pur di salvare le banche

Portogallo. Per evitare il fallimento, Antonio Costa ha preso decisioni in tempi rapidissimi che andranno a scapito del welfare

No, l’avventura del governo «frentista» di Antonio Costa non è cominciata con i migliori auspici. Oggetto del contendere il caso dell’ennesimo salvataggio bancario, dopo quello del Banco Português de Negocios e del Banco Espirito Santo: ora è la volta del Banif (Banco Internacional do Funchal – Azzorre). Per evitare il fallimento, il governo è stato obbligato a prendere decisioni in tempi rapidissimi. La legge di ratifica del bilancio - con un aumento del debito pubblico - che permette l’assunzione di ogni onere dell’operazione di riprivatizzazione sulle casse dello stato, è approdata ieri in parlamento per essere approvata in tutta fretta....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.