closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

In Portogallo non crolla ancora il muro contro le sinistre

Portogallo. 48 giorni dopo le elezioni il paese ancora senza governo. Muro totale contro l’alleanza frentista. Che intanto in parlamento approva senza nessuna polemica l’adozione per i gay

Antonio Costa,  segretario generale del Partido Socialista (Ps)

Antonio Costa, segretario generale del Partido Socialista (Ps)

Sono passati 48 giorni dalle elezioni e più di dieci da quando il parlamento ha sfiduciato il governo di Pedro Passos Coelho e la crisi politica portoghese non è ancora giunta ad una soluzione. Le numerose ipotesi che si sono susseguite in questi giorni mostrano in modo plastico quanto siano forti le resistenze a un cambiamento che si annuncia essere molto profondo. Ci si prova in ogni modo a evitare l’esecutivo delle sinistre. Passos Coelho ha ad esempio proposto di modificare la Costituzione in modo da permettere al presidente della Repubblica di sciogliere la camera anche durante gli ultimi mesi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi