closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

In piazza le richieste dei sindacati

Germania. Salario minimo, riforma dei cosiddeti «minijobs» e stop all’aumento dell’età pensionabile

«A due settimane dalle elezioni, la confederazione unitaria Dgb e le singole federazioni che la compongono vogliono lanciare un segnale forte a favore di un preciso cambiamento politico». Questo è il motivo per cui, oggi, i sindacati tedeschi scendono nelle piazze di cinque importanti città del Paese: Berlino, Monaco di Baviera, Francoforte, Mannheim e Hannover. Il cambiamento richiesto dalla Dgb è fatto di un salario minimo per legge di almeno 8,5 euro, una riforma dei cosiddetti minijobs, la sospensione dell’aumento dell’età pensionabile a 67 anni, un «piano Marshall» per l’Europa al posto dell’austerità, lotta alla povertà, un sistema fiscale più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi