closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

In piazza Duomo l’ultimo atto di un grande artista felice di non essere un moderato

Milano. Il figlio Jacopo: «Era ateo e comunista, eppure non ha mai smesso di parlare con mia madre e di chiederle consiglio»

I funerali di Dario Fo sul sagrato del duomo di Milano

I funerali di Dario Fo sul sagrato del duomo di Milano

Fine. La commedia è stata strepitosa, l’ultimo atto mette tristezza. Qualcuno si consola dicendo che c’entra la pioggia che bagna tutte le cose e tutte le persone. Non ci voleva. Invece è un tempo perfetto. Jacopo Fo prima di allontanarsi verso il cimitero Monumentale saluta piazza Duomo con un gesto antico, il pugno chiuso: “Grazie compagni, grazie”. Dice compagni. Fine dello spettacolo. La cosa ci riguarda. Il figlio ha pianto durante il discorso ma c’è stato un momento, uno solo, dove ha cercato anche di rincuorarci facendoci sorridere. Come Dario Fo. “Noi siamo comunisti e atei però mio padre non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi