closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Myanmar i generali scelgono la tattica stragista: almeno 38 morti

Asia. La giornata peggiore dall’inizio della protesta per la democrazia. Scioperano anche i giornalisti. E all’Onu il nuovo ambasciatore rifiuta l’incarico. Ma stavolta non è più un affare interno: l’Asean inizia a muoversi

Yangon ieri, lacrimogeni sui manifestanti dopo le uccisioni di decine di persone in tutto il paese

Yangon ieri, lacrimogeni sui manifestanti dopo le uccisioni di decine di persone in tutto il paese

La terza giornata di protesta dopo la domenica di sangue del 28 febbraio si trasforma, nel pomeriggio di ieri, in un mercoledì di sangue che supera per numeri quella maledetta bloody sunday. Così che quei numeri che rimbalzano per tutta la giornata – otto, nove, ventidue – salgono, dicono le nostre fonti, ad almeno 24 vittime accertate. In serata diventano – scrive il quotidiano birmano Irrawaddy – 28, per la Bbc 38. Ma, ci dicono ancora, potrebbe essere un bilancio molto per difetto. Non potendo confermare il numero dei morti la macabra aritmetica si ferma ma fa intanto lievitare a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.