closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

In marcia lungo il confine sloveno in solidarietà con i migranti

Trieste. Più di 1.400 persone maltrattate e respinte alla frontiera

In origine doveva essere una carovana che avrebbe raggiunto Malijevac, a ridosso del confine croato-bosniaco, ma le restrizioni riguardanti i viaggi all’estero hanno costretto al ridimensionamento dell’iniziativa di protesta contro le politiche dei respingimenti e le sue violenze organizzata dalla campagna «Lesvos calling». Attiviste ed attiviste da varie parti d’Italia, in particolare quelle sensibili agli attraversamenti come Como o Ventimiglia, sono confluite a Trieste per muovere da Piazza Libertà con un messaggio di solidarietà verso tutte le persone migranti e verso chi viene criminalizzato per le proprie attività solidali e di lotta. Presenti le varie realtà che su fronti di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi