closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Mali altri tre soldati francesi vittime di un agguato jihadista

Sahel. Partecipavano alla missione «Barkhane», che ora passa il testimone a una forza europea. Solo due settimane fa il generale Lecointre lodava i «successi tattici» delle sue truppe

Un soldato francese in volo sopra Gao, nord del Mali,durante una visita nel paese del presidente Macron

Un soldato francese in volo sopra Gao, nord del Mali,durante una visita nel paese del presidente Macron

Tre soldati francesi sono stati uccisi lunedì da una bomba artigianale nell'area dei «tre confini» nel Mali centrale, dove la forza antiterrorismo francese Barkhane ha concentrato i suoi sforzi militari dallo scorso gennaio. «Il loro mezzo blindato è stato colpito da un ordigno esplosivo mentre partecipavano a un'operazione nella regione di Hombori a ridosso del confine tra Mali, Niger e Burkina Faso» ha dichiarato in un comunicato la presidenza francese, indicando che «l’attentato non è stato ancora rivendicato da nessuna delle fazioni jihadiste presenti nell’area». SALE COSÌ A 48 il numero dei soldati francesi uccisi nel Sahel dal 2013, tutti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi