closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Libano la crisi del carburante esplode. E fa 28 morti

Medio Oriente. Strage nella regione di Akkar provocata dall'assenza di benzina. Ormai l'elettricità è disponibile pochissime ore al giorno: sanità prossima al collasso e settore dei trasporti paralizzato, a terra resta anche il cibo

Un militare controlla l’ingresso a una stazione di benzina a Beirut

Un militare controlla l’ingresso a una stazione di benzina a Beirut

Qui non si fa in tempo a piangerli i morti, che se ne aggiungono altri: un’altra drammatica esplosione a pochi giorni dal primo anniversario di quella al porto che ha causato più di 200 vittime, oltre 6mila feriti e 300mila sfollati. Villaggio di Al-Tleil, Akkar, nord, la regione libanese più povera e abbandonata a se stessa, confine con la Siria con cui si traffica e contrabbanda. Sono le prime ore di domenica 15 agosto quando un deposito illegale di carburante esplode uccidendo 29 persone - accertate al momento - e ferendone una ottantina. Il fatto di per sé drammatico va...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.