closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In fiamme i terminal del petrolio in Libia: «Roma è complice»

Caos Libia . Accuse dalle fila di Haftar all’Italia di destabilizzare il Paese perché niente cambi. E dall’ong Hrw sugli aiuti ai Guardiacoste

Le fiamme al terminal petrolifero libico di Sidra

Le fiamme al terminal petrolifero libico di Sidra

I terminal petroliferi libici dei porti di Sidra e Ras Lanuf sono di nuovo in fiamme e una coltre di fumo plumbeo e denso è arrivata fino alla città di Brega. La compagnia libica Noc ha fatto una prima stima dei danni: 800 milioni di dollari. Nel ginepraio libico, in questi giorni particolarmente rovente, c’è persino chi ( il figlio di un generale di Haftar dal Cairo) accusa l’Italia di essere insieme a Qatar e Turchia, uno dei paesi che, per interessi politici e economici, sta appiccando l’incendio e destabilizzando ulteriormente il Paese affinché nulla cambi. DUE GRANDI SERBATOI per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.