closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

“In Europa servono nuove politiche per i diritti umani”

Amnesty International. In occasione della presidenza italiana alla Ue, l'associazione presenta una serie di "raccomandazioni" al governo Renzi per rafforzare le politiche di tutela dei diritti. Tra le questioni più urgenti, il dramma dei migranti ma anche la violenza sulle donne, la discriminazione nei confronti del popolo rom, l'omofobia e la tortura su scala mondiale

Se non restiamo alle dichiarazioni di intenti - sono più di duecento anni che l’Europa dichiara bene e razzola male - le “raccomandazioni” che Amnesty International rivolge all’Italia in occasione della presidenza semestrale della Ue sono già un pesante atto d’accusa. Per tutti i governi del vecchio continente, compreso il nostro. Lo ha detto specificato ieri senza tanti giri di parole il presidente di Amnesty International Antonio Marchesi presentando una sorta di memorandum destinato al nuovo parlamento europeo. “Esiste una dicotomia tra l’aspirazione dell’Ue a promuovere i diritti umani a livello globale e una realtà fatta di violazioni dei diritti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi