closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Egitto si finisce in prigione per un’intervista

Al-Sisi. Tre giornalisti arrestati per aver chiesto opinioni sulla politica economica del Cairo. A Ferrara Hossan Bahgat riceve il premio Anna Politkovskaja e ringrazia i genitori di Giulio Regeni

Manifestazione in solidarietà con i giornalisti egiziani al Cairo

Manifestazione in solidarietà con i giornalisti egiziani al Cairo

Hossam Bahgat non ha potuto ritirare il premio giornalistico Anna Politkovskaja con le sue mani. A Ferrara, al festival di Internazionale, non è andato: nel mirino del regime egiziano, non può lasciare l’Egitto e a fine settembre, sulla base della liberticida legge sulle ong varata nel 2011 e subito adottata dal presidente al-Sisi, si è visto congelare anche il conto bancario. Direttore di Mada Masr, agenzia indipendente egiziana, ha affidato a Skype il suo messaggio all’Italia e alla famiglia di Giulio Regeni, trovato senza vita esattamente sette mesi fa sulla strada tra Il Cairo e Alessandria: «Vi ringrazio per aver...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi