closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Egitto il golpista Sisi affronta la crisi reprimendo i lavoratori

Egitto. Le difficoltà economiche spingono il regime a inasprire le misure contro le proteste

Protesta sindacale al Cairo durante il World Press Freedom Day nel maggio del 2016

Protesta sindacale al Cairo durante il World Press Freedom Day nel maggio del 2016

È stata fissata al 18 luglio la prima udienza del processo in appello per i trentadue lavoratori del cementificio di Torah, condannati in primo grado a tre anni pochi giorni dopo l’incarcerazione. ERANO STATI ARRESTATI per un presidio pacifico, dopo 55 giorni di protesta in cui rivendicavano il diritto ad essere assunti con contratti stabili e piene garanzie, diritto peraltro stabilito da una sentenza di oltre un anno fa. Intanto i lavoratori restano in carcere, mentre decine di partiti, sindacati e associazioni denunciano i maltrattamenti fisici e le umiliazioni subite dopo l’arresto. Purtroppo, il caso di Torah è solo l’ultimo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.